Giovedì 20 aprile 2017

Un nuovo amico si aggiunge alla ciurma della Sghisa: Marco Iacampo. Arriva per presentare il nuovo album Flores, la sua musica è già arrivata in un’infinità di posti, rapendo con i suoi versi e la sua poesia migliaia di persone.

“In un inverno dell’anima che sembra non finire mai,
quello che aspettiamo è sempre la primavera.
Ma il prossimo inverno anche l’attesa avrà un profumo.
I fiori sbocciano in ogni stagione.”

Marco Iacampo

FLORES è il nuovo album di Iacampo uscito per Urtovox e The Prisoner records lo scorso 23 Ottobre. Segue di quasi tre anni il precedente Valetudo, l’album attraverso il quale IACAMPO è riuscito a portare la sua musica in un’infinità di posti, rapendo con i suoi versi e la sua poesia migliaia di persone.

Flores non è solamente un album di canzoni, racconta esperienze personali che diventano universali, passioni che danzano tra ragione e follia. A tutte queste canzoni fatte di domande, di attese, di grandi dubbi e piccole certezze, il titolo “FLORES” restituisce una risposta silenziosa: la fioritura, un’esplosione silenziosa.

Fioritura di canzoni, di strade, di relazioni e progetti che hanno portato Marco a nuovi incontri per la realizzazione del suo nuovo disco che sboccia con la chiara volontà di voler creare un suono altamente empatico ed emotivo, moderno ma al contempo classico, folk, jazzy ed etno. Un incrocio ideale tra l’Italia, il Brasile e l’Africa.

Marco Iacampo nasce il 17 Gennaio 1976 a Mestre.

All’età di 18 anni fonda i Lex Nigra poi gli ELLE. Band di culto del periodo, definiti i DEUS italiani arrivano primi al concorso di AREZZO WAVE nel ’98. Rilasciano il loro primo disco ufficiale “Bruciamo ciò che resta” nel 2001 ma c’è bisogno di nuova linfa e Iacampo decide di raccogliere le sue canzoni in inglese e fonda un nuovo progetto solista:GOODMORNING BOY, un piccolo capolavoro di fantasia.

“Hamlet Machine” è il secondo disco sotto il nome di Goodmorningboy che vede la partecipazione di diversi musicisti ed è considerato da molti la sua opera più importante ma anche l’ultima grande cosa con questo nome perché poco dopo il suo percorso cambia di nuovo.

Si trasferisce a Milano dove riprende lentamente in mano l’italiano e ritorna ai suoi ritmi. Tutto è pronto nel gennaio 2010 quando esce il primo disco a nome Marco Iacampo.

Nasce poi l’idea del NUOVISSIMO CANZONIERE ITALIANO, rappresentato per la prima volta a Milano nella sede del circolo Magnolia il 1°settembre 2013 nell’ambito del quale 30 artisti (tra i quali Dente, sostenitore del progetto insieme a Marco,Brunori, Colapesce, Niccolò Carnesi, Appino, Alessandro Fiori, DiMartino, Mezzala e tanti altri ancora tra i più ed i meno noti) si sono per la prima volta avvicendati su un palco interpretando con chitarra e voce 3 brani del loro repertorio con scaletta a sorpresa

Ma nel maggio del 2014 è già tempo di rimettersi al lavoro per il nuovo disco.

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrmail